Esperto del Risparmio

Calcolo reddito di cittadinanza

Il Reddito di Cittadinanza è una nuova forma di supporto alle famiglie entrato recentemente in vigore.

L'idea che ha portato alla creazione di questo sussidio era il Reddito di Base Universale (in sigla inglese, UBI), secondo il quale, a tutti i cittadini (da cui il nome attuale), che siano disoccupati o lavoratori, in condizioni di disagio o meno viene erogata mensilmente una quota minima. Questo concetto è in sperimentazione in alcuni paesi come il Canada, la Finlandia e la Spagna, con diversi livelli di successo. Secondo alcuni esperti, tra qualche decina di anni il Reddito di Base Universale sarà essenziale in tutti i paesi del mondo considerato quanto il rapido progresso tecnologico stia estinguendo tanti mestieri.

A tutti gli effetti, la versione attuale del RdC è invece un Reddito Minimo Garantito, ossia una integrazione del reddito per garantire a tutti, con o senza lavoro, di poter arrivare a fine mese. Questa tipologia di sussidio esiste, in varie forme, in ogni paese occidentale.

Come funziona il Reddito di Cittadinanza?

Il calcolo del reddito di cittadinanza dipende da alcuni specifici fattori, trattandosi di un' integrazione del reddito familiare, ad esempio, l'importo dipende dall'ammontare di quest'ultimo poiché è inverosimile corrispondere la stessa cifra a famiglie composte da padre e madre con un solo figlio a carico rispetto a chi invece ne abbia quattro (a titolo di esempio). Sono dunque naturalmente considerate le maggiorazioni per i nuclei familiari numerosi che in tal caso potrebbero rendere un reddito mensile superiore ai 780 € di cui tanto si sente parlare.

Per capirci meglio e definire quanto spetti ogni mese una volta che il reddito ci sia stato approvato dobbiamo approfondire alcune formule per poterlo calcolare al meglio; soltanto dopo potremo ricercare e fornire pratici esempi su famiglie che percepiscano un reddito familiare in conformità al proprio nucleo.

Maggiorazioni

Ottenere una maggiorazione per i nuclei familiari numerosi è un'opportunità da non sottovalutare. Più nello specifico, il decreto che rende effettivo il reddito di cittadinanza definisce alcuni parametri di scala di equivalenza che vanno applicati qualora il nucleo familiare sia composto da più di una persona.

Per ogni membro di età maggiore ai 18 anni si può considerare uno 0,4 in più, quando invece si tratti di minorenni l'aggiunta è soltanto dello 0,2. Il parametro di riferimento è 1 e viene utilizzato come parametro per non superare il valore di 2,1.

Come si calcola il reddito di cittadinanza

Ottenute queste informazioni, essenziali e propedeutiche al calcolo, entriamo più nello specifico delle operazioni da fare. Come prima cosa bisogna calcolare il proprio reddito familiare per vedere se non si superi la soglia massima prevista necessaria all'ottenimento. Questo non deve essere superiore ai 6000 € per singola persona costituente l'intero nucleo familiare, mentre in caso di un numero maggiore di componenti bisogna moltiplicare la suddetta soglia per il parametro di scala di equivalenza di riferimento.

Dunque, se il vostro nucleo familiare fosse composto soltanto da due componenti maggiorenni (ipotizzando marito e moglie) il limite di reddito sarebbe pari a 8400 € (6000 x 1,4).

In base alla propria situazione familiare che definirà la soglia massima si andrà a sottrarre il proprio reddito: dunque soglia massima – reddito. Ecco quindi ottenuto l'importo dell'integrazione annua che andrà diviso per 12 mensilità per avere un resoconto mensile del tutto.

Da non dimenticare l'addizione dell'eventuale canone di locazione annuo per il massimo sopracitato di 3360 € l'anno, oppure il mutuo per un massimo di 1800 €.

Ecco dunque una formula che riassume tutto:

[(Reddito familiare massimo – reddito familiare) + canone di locazione annuo]/12

o, nel caso di mutuo,

[(Reddito familiare massimo – reddito familiare) + mutuo annuo]/12

Ecco cosa abbiamo lasciato in disparte per dargli rilevanza: appurato che l'importo massimo di questo beneficio economico erogabile non possa superare i 9360 € (più gli eventuali parametri di scala di equivalenza ridotta per il valore del reddito familiare), va detto che l'importo annuo non può essere inferiore a 480 €.

A chi spetta il Reddito di Cittadinanza?

Per motivi di bilancio, il Reddito di Cittadinanza spetta solamente alle fasce più vulnerabili della popolazione, comunque stimate tra le 2 e le 5 milioni di persone.

Il nucleo familiare deve essere in possesso di:

  • un valore ISEE inferiore a 9.360 €;
  • un valore del patrimonio immobiliare, esclusa la prima casa, non superiore a 30.000 €;
  • un valore del patrimonio mobiliare non superiore a 6.000 € per il single, incrementato in base al numero dei componenti della famiglia (fino a 10.000 €), alla presenza di più figli (1.000 € in più per ogni figlio oltre il secondo) o di componenti con disabilità (5.000 € in più per ogni componente con disabilità).
  • un valore del reddito familiare inferiore a 6.000 € annui, moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza (pari ad 1 per il primo componente del nucleo familiare, incrementato di 0,4 per ogni ulteriore componente maggiorenne e di 0,2 per ogni ulteriore componente minorenne, fino ad un massimo di 2,1). Se il nucleo familiare risiede in un'abitazione in affitto, la soglia è elevata a 9.360 euro.

Inoltre, per accedere alla misura nessun componente del nucleo familiare deve essere in possesso di:

  • auto immatricolate la prima volta nei 6 mesi antecedenti la richiesta, o di cilindrata superiore a 1.600 cc oppure moto di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati la prima volta nei 2 anni antecedenti (escluse le vetture per cui è prevista una agevolazione fiscale a favore delle persone con disabilità);
  • imbarcazioni da diporto.

Il corrispettivo riconosciuto a chi sia meritevole di ricevere il reddito di cittadinanza è composto da due parti:

  • integrazione del reddito familiare fino al raggiungimento della soglia di 6000 € ;

  • integrazione equivalente all' ammontare del canone annuo di locazione (per tutte le famiglie che vivano in una casa in affitto) fino a un massimo di 3360 €. Mentre per chi viva in una casa di proprietà su cui sia accesso un mutuo è prevista un'integrazione per un importo massimo di 1800 € (sempre calcolati come quota annua).

Per capirci meglio: una persona che vive sola e in affitto può ricevere un'integrazione massima di 9360 € all'anno, che su 12 mesi costituiscono i noti 780€ al mese.

Calcolare il reddito di cittadinanza può sembrare difficile poiché prima di ottenere l'importo esatto dell'integrazione che dovrebbe spettarci, infatti, ci sono numerosi passaggi da comprendere ed effettuare seguendo alcune specifiche formule.

In fin dei conti basta procedere per gradi, in modo schematico, avendo ben chiaro come funzioni realmente l'erogazione del reddito di cittadinanza. Ecco dunque che il calcolo dell'importo non sarà così difficile come a un primo impatto.

Tabella riepilogativa delle somme spettanti

Ecco una tabella dove sono indicati – considerando il numero dei componenti e il reddito del nucleo familiare – gli importi spettanti mensilmente una volta che ci sia stato concesso il beneficio del reddito di cittadinanza.

N° componenti Limite reddito Reddito familiare Affitto al mese Mutuo al mese Mensilità RdC
Uno 6000 € 0 € No No 500 €
Uno 6000 € 4500 € No No 125 €
Uno 6000 € 4500 € 500 € No 405 €
Due (18+) 8400 € 0 € No No 700 €
Due (18+) 8400 € 6000 € No 400 € 350 €
Due (uno 18+) 7200 € 0 € No No 600 €
Due (uno 18+) 7200 € 4500 € 500 € No 505 €
Tre (due 18+) 9600 € 0 € No No 800 €
Tre (due 18+) 9600 € 0 € 500 € No 1080 €
Tre (due 18+) 9600 € 4500 € No 400 € 575 €
Quattro (due 18+) 10800 € 0 € No No 900 €
Quattro (due 18+) 10800 € 4000 € 500 € No 846 €
Cinque (tre 18+) 12600 € 0 € No No 1050 €
Cinque (tre 18+) 12600 € 0 € 500 € No 1330 €

Quando comincia il Reddito di Cittadinanza?

A partire dal 6 marzo 2019 sarà possibile iniziare a richiedere il Reddito di Cittadinanza presso il sito web ufficiale https://www.redditodicittadinanza.gov.it/, gli uffici postali ed i CAF. La prima erogazione dovrebbe avvenire nel mese di aprile.