Esperto del Risparmio > Lavoro e impresa

Come diventare un agente assicurativo

agente assicurativo

Ricevi la mail con i segreti del risparmio!

Non perderti le ultime offerte, le guide e strumenti per risparmiare. Unisciti ad altri 25.000 che già risparmiano.

Che cosa devi fare quando hai intenzione di diventare un assicuratore? Che studi bisogna fare e quali sono le mansioni che realmente spettano ad un broker assicurativo?

Se vuoi saperne di più, consulta questa guida dove ti verrà brevemente spiegato come lavorare in ambito assicurativo e diventare un professionista del settore, non lasciandoci sfuggire nessun punto in maniera tale che potrai sapere quante più cose possibili sugli agenti assicurativi.

E, a questo proposito, si può dire che gli agenti assicurativi, chiamati anche semplicemente assicuratori o broker assicurativi sono professionisti che lavorano per una (ma anche più di una) agenzie di assicurazioni, e che si occupano generalmente della vendita di servizi di assicurazione tramite un’attività di intermediazione tra il cliente e l’agenzia assicurativa.

Ma fare l’agente assicurativo non è un incarico facile: sono richieste, infatti, una serie di abilità particolari ed una buona preparazione in termini di economia, fondamentali per riuscire a comprendere come si muove il mercato delle assicurazioni e soprattutto come mediare in maniera eccellente il rapporto tra cliente ed agenzia di assicurazione, fornendo ciò che è più indicato per lui.

Tutto ciò che bisogna sapere per poter diventare un agente assicurativo

Innanzitutto, partiamo dalle basi: che cos’è un assicuratore? Che lavoro fa?

Chi è l’assicuratore e che cosa fa

La definizione per eccellenza di un agente assicurativo possiamo ritrovarla in “colui che si occupa dell’intermediazione per le polizze assicurative per i clienti sia i clienti abituali e sia per l’acquisizione di nuovi clienti”. Infatti il broker assicurativo deve anche continuare naturalmente ad occuparsi dei propri clienti dopo averli acquisiti, tramite i rinnovi contrattuali o altri prodotti che potrebbero rientrare nell’interesse del cliente per somministrarglieli e seguirlo step by step.

Non bisogna necessariamente essere vincolati ad una sola agenzia di assicurazione, ma facendo riferimento all’articolo n° 109 del Codice Assicurativo, gli agenti assicurativi possono operare “per conto di una o più imprese di assicurazione”. Si parla infatti di agenti monomandatari quando questi ultimi operano per conto di una singola agenzia assicurativa e agenti plurimandatari quando lavorano per più aziende di assicurazioni.

A questo proposito, invece, passiamo a capire più strettamente quali sono gli incarichi che spettano all’agente assicurativo. Le sue mansioni principali sono:

  • Stipula di polizze assicurative:
  • Gestione del portafogli dei clienti;
  • Ampliamento del portafogli dei clienti;
  • Consulenze e supporto;

Oltre ad avere una naturale propensione nel poter svolgere questo lavoro, come abbiamo già detto in precedenza, bisogna avere dei fondamenti di economia, oltre ad una spiccata empatia e tutte le necessarie doti relazionali necessarie per poter diventare un assicuratore (online oppure offline). La figura dell’assicuratore, infatti, non deve somigliare a quella del gatto e la volpe di Pinocchio, per intenderci. Bisogna giustamente guadagnarsi la fiducia del cliente e pensare a quali sono le sue esigenze e come soddisfarle.

Adesso, veniamo allo stipendio.

Quanto guadagna un agente assicurativo?

Beh, in questo caso le variabili da prendere in considerazioni sono due: se l’agenzia offre uno stipendio fisso mensile e se i guadagni sono basati sulle provvigioni della stipula delle polizze. Potrebbe anche essere un mix di entrambe le cose: si parte da un fisso mensile al quale vanno sommati vari extra dovuti alla stipula della polizze da parte dell’agente.

Quali sono i requisiti per diventare un agente assicurativo?

Per poter fare l’esame che ti consentirà di diventare un agente assicurativo bisogna avere alcuni requisiti di base quali:

  • Assenza di condanne contro l’amministrazione pubblica;
  • Iscrizione al Registro RUI, ossia il Registro Unico degli Intermediari Assicurativi e Riassicurativi;
  • Godimento pieno dei diritti civili;
  • Residenza in UE, meglio se in Italia.

E, a questo proposito, se volete sapere se un agente assicurativo sia effettivamente tale, basterà semplicemente cercarlo nel RUI. Per poter diventare un assicuratore a tutti gli effetti, bisogna superare un esame di Stato presso l’IVASS.

In cosa consiste l’esame?

La prova consiste in un test a risposta multipla dove vengono affrontate diverse tematiche quali:

  • Nozioni di diritto privato;
  • Nozioni di diritto tributario in materia d’assicurazione e previdenza complementare;
  • Disciplina della tutela del consumatore;
  • Tecniche assicurative;
  • Discipline di attività di mediazione nelle agenzie;
  • Diritto delle assicurazioni;
  • Disciplina della previdenza complementare.

La prova d’esame consiste in un test a risposta multipla, che tratta diverse tematiche come:

  1. Diritto delle assicurazioni, inclusa la disciplina regolamentare emanata dall’Istituto;
  2. Disciplina della previdenza complementare;
  3. Disciplina dell’attività di agenzia e di mediazione;
  4. Tecnica assicurativa (rami vita e danni);
  5. Disciplina della tutela del consumatore;
  6. Nozioni di diritto privato;
  7. Nozioni di diritto tributario riguardanti la materia assicurativa e la previdenza complementare.

 

Ferdinando Iezzo

Sono un ex studente di Economia della Federico II di Napoli, attualmente vivo a Londra e sono appassionato di Risparmio. In che senso? Da quando mi son trasferito nel Regno Unito sono stato colpito dai differenti modi che popoli lontani hanno di gestire i propri risparmi. La micro-economia di ognuno di noi si muove in modo indipendente e io cerco di scovarne i segreti. Ho creato questo sito, grazie all'aiuto di alcuni amici, per condividere le mie idee e dare consigli a chi, come me, voglia migliorare la propria situazione economica e riuscire a risparmiare nel modo più semplice possibile.