Risparmiare ad Oslo: si può?

Ricevi la mail con i segreti del risparmio!

Non perderti le ultime offerte, le guide e strumenti per risparmiare. Unisciti ad altri 25.000 che già risparmiano.

Con il suo ricco mix di storia, design all’avanguardia, cibo nordico new age ed emozionante scena artistica, Oslo è una città bellissima che offre un ambiente ideale sia per esplorare che per rilassarsi. Nonostante il suo appeal contemporaneo, non ha senso nascondere il fatto che il capitale norvegese è notoriamente costosa, motivo per cui qui parlare di risparmio sarà piuttosto relativo. In effetti, poi, dobbiamo notificare anche che la Deutsche Bank l’ha considerata la città più cara del mondo per comprare una birra (una BIRRA, ossia una delle bevande alcoliche più economiche in circolazione).

Ma indovina un po’.  È ancora possibile godersi Oslo senza spendere una fortuna. Ebbene sì, è possibile! Certo, non spenderete forse gli stessi soldi che potrete spendere a Milano o ancora meglio a Madrid o Napoli, ma sicuramente potrete trovarvi in condizioni di risparmiare anche qui, in una delle città più costose del mondo.

Ci sono in particolare quattro cose principali che è necessario definire in termini di costi per renderlo un viaggio conveniente: alloggio, trasporti, cibo e attrazioni. Lavoreremo attraverso ciascuno in questa guida al risparmio nella capitale norvegese senza incorrere nel rischio di tornare a casa e trovare solo pipistrelli nel nostro portafogli. Pronti?

Alloggiare ad Oslo

Trovare un hotel a Oslo potrebbe essere potenzialmente difficile e costoso. Nei periodi di alta stagione, quando le conferenze e le grandi fiere vengono organizzate Oslo, i turisti sono stati spinti fino a Lillehammer per trovare un alloggio (che, per inciso, è lontana da Oslo). Quindi, sarebbe una mossa decisamente assennata quella di prenotare una stanza in anticipo. La città si rivolge anche ad alcuni ostelli economici come gli Anker Apartments e gli Ostelli della gioventù di Haraldsheim. Soprattutto, il consiglio principale del viaggiatore che vuole risparmiare nel soggiornare a Oslo è  quello di trovare un hotel economico e ben progettato ed economico, chiamato Comfort Express: un alloggio economico immacolato, il Comfort Hotel Express è un’ottima scelta per soggiornare a Oslo. L’hotel intraprende non solo l’idea di risparmiare denaro ma anche quella di salvare il pianeta, grazie al suo vivace tema verde che promuove cibo vegano a prezzi accessibili e attenzione generale al nostro pianeta. Insomma, un piccolo paradiso economico per gli amanti dell’ecologia.

L’hotel offre servizi all’avanguardia come la magnifica terrazza panoramica, un bar rilassante nel seminterrato, un centro fitness per tenervi i pavimenti riscaldati e attivi nel bagno per una doccia veloce dopo una giornata fredda a Oslo. A pochi passi dai locali e dai bar nelle vicinanze, questo hotel a 3 stelle permette anche agli ospiti di esplorare ciò che la vita notturna locale ha da offrire facilmente. Quindi, se stai viaggiando con un budget non troppo basso e ti piace fare da solo, allora Comfort Hotel Xpress Youngstorget è sicuramente ciò che fa al caso tuo!

C’è poi la vecchia, cara abitudine di rivolgersi ad AirBnb.  Proprio come gli ostelli, AirBnB offre alle persone la possibilità di usufruire di loro appartamenti privati ai turisti per un prezzo decisamente inferiore rispetto agli hotel. Offrendo la buona notte di tregua economico ad un prezzo praticamente irrisorio, questo sito di “house sharing” è diventato sempre più popolare e, se ha così tanto successo, ci sarà sicuramente un perché!

La Norvegia ha anche una legge interessante che è conosciuta come il “diritto di vagabondare“. Questa legge afferma che si può campeggiare gratuitamente ovunque per 48 ore a condizione che si trovi a 150 metri da centri abitati. È una legge un po’ strana, è vero, ma a mali estremi…

I trasporti

Per il trasporto pubblico, NON acquistare la carta turistica, ma cerca di optare per il pass da 24 ore che costa circa 70 NOK (7,30€, più o meno) per un viaggio illimitato per 24 ore nella zona 1, che copre tutta la rete T-bana (quella sotterranea). Il pass 24 ore è disponibile presso “Trafikanten” a Jernbanetorget e da diverse biglietterie automatiche. Se rimani diversi giorni, magari puoi provare ad optare per un abbonamento settimanale.

NON viaggiare con ‘Flytoget‘ (treno navetta per l’aeroporto) o con l’autobus per l’aeroporto, utilizzare il trasporto pubblico normale. A Gardermoen ci sono i distributori automatici di biglietti, comprano un biglietto NSB per 4 zone (90 NOK), che puoi utilizzare anche nella zona 1 per raggiungere il tuo alloggio in autobus o in treno (tram).

Se vuoi mangiare in un ristorante, controlla la zona di “Grønland“, i quartieri degli immigrati, dove è possibile risparmiare e mangiare bene, anche provando specialità di cucine straniere non tipicamente norvegesi.

Cosa vedere ad Oslo

L’Oslo Pass è un acquisto eccellente se sei un appassionato di musei, dato che la città ti offre il lusso di poter visitare più musei e gallerie di quanti se ne possa fare a meno. Disponibile per 1, 2 e 3 giorni, l’Oslo Pass si occupa di fornirti il trasporto pubblico tra cui autobus, tram e una barca per Bygdoy, oltre all’accesso gratuito a più di 30 gallerie e musei in tutta la città.

Esistono tre tipi, in base alla durata del soggiorno:

  • 24 ore – 395 NOK (circa 41 €)
  • 48 ore – 595 NOK (circa 61 €)
  • 72 ore – 745 NOK (circa 77 €)

Non c’è da stupirsi che non sia economico, ma ti assicuriamo che ne vale la pena. Quindi, ti suggeriamo di ottenere un passaggio Oslo di 1 giorno e di trarne il meglio.

L’isola di Bygdoy

  • Quanto costa? 45 NOK: il prezzo della barca per arrivare sull’isola.

Inizia presto e prendi il traghetto per la penisola di Bygdoy, che ospita alcune delle gallerie, dei musei e delle spiagge più famose di Oslo.

Bygdoy ha un’atmosfera pittoresca e rustica con una ricca storia alle sue spalle. I punti salienti qui sono The Norwegian Folk Museum, il Museo delle navi vichinghe, Kon-Tiki, Polarship Fram e il museo marittimo norvegese. Questi sono raggruppati tutti nel raggio di qualche chilometro, e vedere tutto è semplice e facile.

Potresti visitare l’autobus o prendere la strada panoramica attraverso la barca 91 che parte dal molo 3 dal municipio. Ci vogliono 15 minuti e il servizio va da metà marzo a metà ottobre. Costa 45 NOK a tratta mentre 65 NOK se si opta per il viaggio di ritorno.

Post scriptum: il traghetto è gratuito con l’Oslo Pass.

Il museo Kon-tiki: punta superiore dell’isola Bygdoy

  • Quanto costa? 120 KR o gratuito con Oslo Pass

Mentre le masse di turisti si riuniscono e si dilettano con le navi vichinghe al Museo delle navi vichinghe (che è davvero maestoso), molte persone si aggirano dalle parti del museo Kon-Tiki.

Questo è un museo speciale che è l’incarnazione del coraggio e della straordinaria visione di un uomo che attraversò l’Oceano Pacifico su una sola barca. Il suo nome è Thor Heyerdahl. Era uno scienziato, un avventuriero e un ambientalista. Il Museo Kon-Tiki è testimone del retaggio duraturo di manufatti e vasi originali raccolti durante le sue spedizioni di fama mondiale. Le sue ricreazioni del viaggio preistorico all’Isola di Pasqua provano che l’uomo primitivo aveva imparato a navigare molto prima che la sella e la ruota venissero inventate.

Potete vedere la zattera Kon-Tiki originale, la barca di canne Ra II, nonché visitare una mostra sul Tigri e una mostra sull’Isola di Pasqua che include una replica di 10 metri di una statua proveniente dall’Isola di Pasqua.

Il museo ha anche una sala di proiezione del film e un negozio di souvenir.

Nobel Peace Center

  • Quanto costa? 100 KR o gratuita con Oslo Pass

Un eccellente museo che è attentamente pensato in diverse stanze a tema, il centro Nobel per la pace presenta un’entusiasmante combinazione di mostre temporanee e permanenti che promuovono l’interesse popolare in questioni relative alla guerra, alla pace e alla risoluzione dei conflitti.

Partendo con un tour guidato che descrive i problemi attuali del mondo odierno, ti vengono presentate le esposizioni digitali sui vincitori del premio della pace nel campo Nobel, un giardino di 1000 luci a fibre ottiche. Oltre a questo, puoi svelare The Electronic Wallpapers, il libro magico che descrive la vita di Alfred Nobel.

Il museo offre anche un’attività interattiva di 30 minuti denominata “Fred and Toca Loca”, adatta a bambini accompagnati da adulti. Quindi, è un tipo di museo pratico e stimolante che lo rende molto divertente sia per i bambini che per i ragazzi più grandi.

Museo Munch

  • Quanto costa? 120 KR, gratuita con l’Oslo Pass

Oslo ha una grande selezione di musei, ma il museo più famoso per eccellenza è il Munch Museum. Edvard Munch lasciò in eredità una parte significativa del suo lavoro alla città prima della sua morte nel 1940, e questo grande museo ne è il risultato.

“L’urlo” è il dipinto più famoso di Munch e per molti è l’opera più importante del secolo scorso.

Tuttavia, ci sono alcune incredibili opere esposte qui come “Dance of Life“, “Winter Night“, “Jealousy“, “Eye to Eye” e il suo “Autoritratto con pennelli”. L’arte di Munch è incredibilmente intima; i soggetti dipinti sono rivelatori che lo rendono molto accessibile anche agli osservatori più occasionali e amanti dell’arte.

Parco Vigeland

Vigeland Park è disseminato di 192 sculture in totale. Il parco è la dichiarazione artistica di Gustave Vigeland sui temi della quintessenza della vita e delle relazioni.

Pazzo o genio: qualunque cosa tu possa pensare dell’arte scultoria o di questo scultore, questa è una mostra unica e merita di essere visitata durante la tua visita a Oslo. Inoltre è gratis!

Cibo: dove mangiare ad Oslo

Ad Oslo vi sono posti come Deli De Luca e Peppe’s Pizza che sono ristoranti che offrono pasti a prezzi accessibili, così da poter investire il resto dei nostri soldi in attività culturali diverse o magari per la vita notturna nella città. Il prezzo per riempirvi la pancia, in questi casi, va dai 75NOK (circa 7,50€) fino ai 130NOK. Insomma, non potrete non dare una chance a questi posti se avete voglia di risparmiare!

In alternativa, vi sono anche diversi supermercati che possono essere i vostri migliori alleati nel caso decideste di cucinare a casa.

Ferdinando Iezzo

Sono un ex studente di Economia della Federico II di Napoli, attualmente vivo a Londra e sono appassionato di Risparmio. In che senso? Da quando mi son trasferito nel Regno Unito sono stato colpito dai differenti modi che popoli lontani hanno di gestire i propri risparmi. La micro-economia di ognuno di noi si muove in modo indipendente e io cerco di scovarne i segreti. Ho creato questo sito, grazie all'aiuto di alcuni amici, per condividere le mie idee e dare consigli a chi, come me, voglia migliorare la propria situazione economica e riuscire a risparmiare nel modo più semplice possibile.